Organizzazione Eventi

Il coccodrillo come fa? E l’organizzatore di eventi?

Il coccodrillo come fa? E l’organizzatore di eventi?

Il coccodrillo come fa? Booh, non c’è nessuno che lo sa! E l’organizzatore di eventi come fa? C’è qualcuno che lo sa, e poi c’è la formazione.

La figura dell’Organizzatore di Eventi è ancora oggi troppo misteriosa. Il lavoro è affascinante, stimolante, divertente ma non è tutto oro quello che luccica!

Sicuramente la possibilità di incontrare sempre persone nuove, di viaggiare, di collezionare emozioni è la parte che più emerge dell’attività di Organizzazione Eventi. La punta dell’iceberg però cela la parte delicata e difficile di questa professione.

L’organizzatore di eventi come fa?

Ha un’ottima capacità di riuscire a convincere gli altri che la sua è la decisione migliore. Lo fa perchè sa seguire la mission dell’evento e vede oltre a quello che c’è dietro ad una semplice scelta. Sa coglierne le conseguenze e ha una visione a 360 gradi.

Ha un’ottima capacità di comunicare, condividere, trasferire. Lo fa portando la sua squadra a credere nel progetto, costruendo dei legami che puntano allo stesso obiettivo: l’evento di successo!

È un ottimo psicologo e capisce subito quando è il momento di fare un passo indietro per lasciare il cliente a riflettere, ad elaborare e a far propria la scelta.

È un ottimo moderatore e si muove perfettamente tra le richieste del cliente e le possibilità del fornitore. Trova la soluzione che piace ad entrambe le parti.

Ha un’ottima capacità di sintesi ed è chiaro, preciso, conciso. Nei compiti da assegnare, nelle comunicazioni da dare. Non lascia spazio a fraintendimenti, informa senza trascurare dettagli e, per chi ancora non fosse chiaro, è sempre disponibile a fornire ulteriori spiegazioni.

È un elettricista, un idraulico, un esteta, un analista, un leader, un osservatore, un commerciale, un contabile, …

Come può essere tutto questo? Grazie all’esperienza o grazie alla formazione. Il mercato degli eventi è in continua crescita e trasformazione. Nonostante questo la figura che lo rappresenta non trova spesso una formazione pratica adeguata, che lo prepari al mondo del lavoro e che lo aggiorni sui cambiamenti.

Scegliere la giusta formazione è la strada vincente per esercitare il lavoro più bello del mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *